Controlli mediante ultrasuoni

Il sistema di controllo non distruttivo mediante ultrasuoni è piuttosto diffuso e si caratterizza per la sua capacità di fornire indicazioni attendibili sulla presenza di difetti o inclusioni in una lega. Una radiazione ultrasonora si propaga infatti senza difficoltà in un materiale metallico. Viene però riflessa, attenuata o deviata qualora incontri una cavità o una inclusione. Con differenti tipologie di sonde, è quindi possibile individuare la presenza di alcune delle classi più frequenti dei difetti di un getto di fonderia, come cavità da ritiro, gas intrappolati o sviluppati dall’interazione tra sabbia, leganti e ghisa, inclusioni di scoria e particelle di ossido. A seconda della tipologia di strumentazione utilizzata, può variare la precisione nella localizzazione del difetto.

Test a ultrasuoni

Controlli radiografici

È ben noto che i raggi X, a seconda della loro intensità, possono attraversare un materiale metallico, in maniera peraltro dipendente anche dalle caratteristiche intrinseche del materiale stesso. La radiografia che ne deriva permette di individuare la presenza di cavità (ritiri di solidificazione, aria e gas intrappolati), all’interno di un getto di fonderia. Il controllo radiografico convenzionale fornisce informazioni tipicamente bi-dimensionali, con un livello di risoluzione nell’ordine del millimetro. In un materiale ferroso come la ghisa l’attenuazione della radiazione da parte del materiale stesso è piuttosto significativa, e questo determina un limite nello spessore dei pezzi analizzabili.

Esiste anche la possibilità di effettuare, con la Tomografia Computerizzata Industriale, una ricostruzione tri-dimensionale delle cavità presenti nel materiale, che è particolarmente dettagliata e integrabile, ad esempio con i sistemi CAD-CAM. Le tempistiche di analisi di un pezzo possono però essere relativamente lunghe.

Ispezione a raggi X

Altri tipi di controlli

Esistono anche altri tipi di controlli non distruttivi applicabili al campo della fonderia di ghisa. A questo proposito si possono menzionare:

Controlli mediante liquidi penetranti
Controlli a correnti indotte
Controlli a particelle magnetiche

Partners progetto Zanardi Academy